Acque povere di sodio: per chi sono indicate e quali sono i benefici nella dieta

Quanti di noi saprebbero fare una stima, anche solo approssimativa, della quantità di sodio assunta ogni giorno attraverso l’acqua? Eppure […]

Quanti di noi saprebbero fare una stima, anche solo approssimativa, della quantità di sodio assunta ogni giorno attraverso l’acqua? Eppure leggere l’etichetta è importante, tanto più per chi, per ragioni di salute o di benessere, intende seguire una dieta iposodica. Ma quando è bene limitare il consumo di questo minerale? Quale acqua scegliere per idratarsi e mantenersi in forma?
Ecco una breve guida alle acque povere di sodio: cosa sono, quando sono indicate e quali sono i loro principali benefici.

CHE COSA SI INTENDE PER ACQUA POVERA DI SODIO?

Le acque minerali naturali si classificano anche sulla base dei sali minerali presenti.
In particolare, per essere definita iposodica, l’acqua deve presentare un tenore di sodio inferiore ai 20 mg/l.

ACQUE POVERE DI SODIO: QUALI SONO LE LORO PROPRIETÀ E I LORO BENEFICI?

Il sodio assolve diverse mansioni. Tra queste, c’è un’importante attività regolatrice a carico dei liquidi extracellulari. Per un processo noto come osmosi, il sodio attira a sé l’acqua contenuta nelle cellule e la trasferisce nel sangue, aumentandone pertanto la pressione e il filtraggio a livello renale.
Le acque povere di sodio possono contrastare un’eccessiva presenza di questo minerale nell’organismo, aiutando a combattere l’aumento della pressione extracellulare e la conseguente ritenzione idrica.

PER CHI SONO INDICATE LE ACQUE POVERE DI SODIO?

Chi soffre di ipertensione dovrebbe orientarsi verso un’acqua diuretica e povera di sodio, in modo da contrastare l’aumento della pressione arteriosa e l’affaticamento cardiaco.
Una dieta iposodica è altresì indicata per combattere gonfiori e liquidi in eccesso. Le acque povere di sodio sono pertanto un valido supporto per chiunque si trovi a combattere la ritenzione idrica e i suoi inestetismi, come le adiposità localizzate e l’odiatissima cellulite.
Dal momento che un eccesso di sale può influire negativamente sulla secrezione acida dello stomaco, un’acqua povera di sodio è utile anche in presenza di disturbi digestivi e nel caso la mucosa gastrica risulti compromessa.

IL RUOLO DI ACQUA VITASNELLA PER UNA DIETA POVERA DI SODIO

Acqua Vitasnella è la perfetta alleata per mantenere sotto controllo l’assunzione di sodio, favorendo al contempo l’eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso. Quest’acqua minerale, che sgorga dalla fonte Vitas nel cuore delle Alpi lombarde, ha infatti un ridotto contenuto di sodio, inferiore allo 0,002%. Povera di nitrati, ha un quantitativo apprezzabile di calcio e magnesio;
Acqua Vitasnella regala una sensazione di leggerezza fin dal primo sorso. Associata a un’alimentazione varia ed equilibrata, è indicata per gli ipertesi e, più in generale, per chiunque intenda seguire una dieta a ridotto contenuto di sodio.

Privacy Preference Center

Funzionali

I cookie funzionali aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSION

Performance

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.